strudel di mele dell’Alto Adige

Tipicamente estivo…ma non ce ne importa… Me lo immaginavo già nel piatto con due palline di gelato alla vaniglia e ho fatto proprio così. E anche il gelato, tutto #homemade e questo poi ve lo racconto…

Quasi impossibile, per me, poterlo assaggiare direttamente nelle località autoctone. Burro di malga come se piovesse… me lo faccio passare sotto il naso più volte, ne sento il profumo più volte, ma stringo i denti e penso già di replicarlo a fine vacanze.

Con la vera ricetta sono a metà dell’opera, un’ottima ricetta altoatesina, dal ristorante “Cavallino Bianco” di Nova Levante. La frolla, non troppo dolce e friabile è stata sottoposta alla prova margarina e l’ha ampiamente superata.

Di seguito trovate la ricetta originale e dove sono presenti latte e derivati indicherò ingredienti e dosi utilizzati.

Ingredienti (dosi per 6pp)

Per la pasta

125gr di burro – 100gr di margarina

125gr di zucchero a velo o zucchero

scorza di 1/2 limone grattuggiata

zucchero vanigliato

1 cucchiaio di latte – 1 cucchiaio di latte di mandorla

1 uovo

250gr di farina “tipo 00”

1 cucchiaino di lievito per dolci

1 pizzico di sale

Per il ripieno

600gr di mele

50gr di zucchero

50gr di pane grattugiato abbrustolito nel burro – pane grattugiato abbrustolito

40gr di uva sultanina

20gr di pinoli

2 cucchiai di rum

zucchero vanigliato

1/2 cucchiaino di cannella in polvere

scorza di 1/2 limone grattugiata


Uova per spennellare lo strudel

zucchero a velo per spolverare

Preparate la pasta dello strudel impastando in una ciotola il burro o la margarina, lo zucchero, la scorza di limone, un cucchiaino di zucchero vanigliato e un pizzico di sale; ottenete un impasto omogeneo, poi aggiungete l’uovo il latte o il latte di mandorla, inglobate la farina e il lievito e impastate ancora. Avvolgete l’impasto in un foglio di pellicola e fate riposare in frigo per almeno mezz’ora.

Sbucciate e levate il torsolo alle mele, tagliatele a fettine sottili e mettetele in una ciotola con lo zucchero, il pane grattugiato, l’uva sultanina, i pinoli, rum, 1 cucchiaino di zucchero vanigliato, la cannella e la scorza di limone.

Nel frattempo accendete il forno a 180°, stendete la pasta su una spianatoia fino a ottenere una forma rettangolare e disponete su una teglia rivestita con carta da forno. Posate il ripieno sulla pasta e ripiegate lo strudel. Sbattete un uovo e spennellate la superficie dello strudel prima di infornarlo. Infornate a 180° per 35 minuti e a fine cottura, prima di servire, spolverizzate con zucchero a velo.

L’associazione dello strudel caldo o tiepido con il gelato alla vaniglia è perfetta. Rustico ed elegante.

Kaiserschmarrn o “frittata dell’imperatore”

Ricettina letta e provata. Perchè succede così quando qualcosa ti ispira. La vacanza in Alto Adige mi ha dato degli spunti interessanti, soprattutto per quest’autunno-inverno… ma non anticipo nulla!

La colazione uno dei momenti che più preferisco in vacanza e nel weekend. Durante la colazione in albergo ho sotto gli occhi il giornale dell’albergo con notizie e attività della giornata e alcune curiosità. Tra queste una ricetta che cattura subito la mia attenzione… E sarà anche perchè arrivo davanti alla tovaglietta da colazione con parecchia fame che mi faccio prendere dalla voglia di fare e replicare…

Pochi e semplici ingredienti, veloce, la potete preparare come fine pasto, da accompagnare con del gelato e della frutta oppure per colazione. Promossa!

Ingredienti

2 uova

120 ml di latte di mandorla

80 gr di farina

25 gr di zucchero

30 gr di uvetta (ma io ho abbondato…)

15 gr di margarina

Zucchero a velo

Mettete l’uvetta a bagno in acqua tiepida.

Separate i tuorli dagli albumi, preparate una pastella lavorando i tuorli, il latte e la farina. Montate a parte gli albumi a neve con lo zucchero. Incorporate gli albumi montati alla pastella e amalgamate dal basso verso l’alto aiutandovi con una marisa.

In una padella mettete la margarina e fate sciogliere; aggiungete l’uvetta strizzata e versate nella padella la pastella. Lasciate cuocere qualche minuto, girate la frittata e spezzettatela senza cura. Muovete i pezzetti di frittata sino a fine cottura. Servite la frittata ancora tiepida con frutta (ottimi i frutti di bosco) e spolverizzate con zucchero a velo. Ottima se servita con una pallina di gelato…