Risotto estivo

Risotto mantecato al parmigiano reggiano, pomodorini ciliegino confit e pesto di menta e finocchietto

Fresco, profumato e leggero. Il risotto perfetto per l’estate!

  • Difficoltà MEDIA
  • Tempo di preparazione 1h

Ingredienti (dosi per 2 persone)

brodo vegetale (cipolla, sedano, carota, zucchina, patata e basilico)

5 pugni di un buon carnaroli

1 spicchio d’aglio

una ventina di foglie di menta

3-4 ciuffi di finocchietto

marsala per sfumare

3 cucchiai abbondanti di parmigiano reggiano 30mesi

6 pomodorini ciliegino

origano

olio extra vergine di oliva

sale

zucchero

Preparate il brodo portando a ebollizione abbondante acqua salata con cipolla, sedano, carota, zucchina, patata e basilico. A ebollizione raggiunta abbassate il fuoco e lasciate sobbollire per almeno mezz’oretta.

Nel frattempo lavate i pomodorini ciliegino tagliatene ciascuno in quattro parti e disponete su una teglia rivestita con carta da forno; condite con sale, origano, zucchero e olio evo e infornate in forno preriscaldato a 200° per 20 minuti, abbassate la temperatura a 160° e fate cuocere per altri 10 minuti.

In una pentola dal fondo spesso versate un filo d’olio evo, aggiungete uno spicchio d’aglio sminuzzato e mettete sul fuoco a fiamma bassa; fate rosolare appena e aggiungete il riso. Seguitene la tostatura e non appena comincerà a sfrigolare sfumate con il marsala e irrorate con una mestolata di brodo.

Proseguite con la cottura del riso irrorando mano a mano con il brodo; nel frattempo preparate il pesto lavando per bene le foglie di menta e i ciuffi di finocchietto. Sbollentate 1-2 minuti il finocchietto nel brodo e mettete nel contenitore di un frullino con la menta e 2 cucchiai di olio. Tritate e ottenete una salsina morbida.

A fine cottura del riso aggiungete il parmigiano reggiano grattugiato, mantecate a fuoco spento e coprite con un coperchio. Impiattate e aggiungete i pomodorini confit e qualche cucchiaio qua e là di pesto di menta e finocchietto.

Spaghetti alla bottarga di tonno rosso e pomodorini ciliegino secchi di Pachino

Io che torno dalla Sicilia con una scorta di prodotti tipici che non vedo l’ora di utilizzare in cucina…

Dalle antiche tonnare echeggia un’atmosfera carica di storia, fascino e crudeltà allo stesso tempo. Ma è la storia che fa parte del patrimonio enogastronomico di questa terra da amare. Una tradizione ormai incatenata con l’introduzione di leggi che limitano la tecnica di pesca legata alle tonnare. La passeggiata all’interno del baglio della tonnara di Scopello fa venire la pelle d’oca. La guida ripercorre le fasi della mattanza quasi come un rito. Riti destinati a estinguersi dietro alle beghe politiche per proteggere e salvaguardare una specie ittica altrimenti in estinzione. La rabbia nasce quando sono altre civiltà in acque internazionali che abbracciano il nostro mare che procedono senza scrupoli a pratiche altrettanto sanguinarie sotto i nostri occhi. Ma la salvaguardia non riguarda il mondo intero? 

Con un bel pezzo di bottarga di tonno rosso, un classico, gli spaghetti. Oggi però diversa dal solito, aggiungo qualche pomodorino ciliegino secco per arricchire ulteriormente il piatto. Ci riesco e ce lo gustiamo per bene.

Ingredienti (dosi per 2pp)

SpaghettiX2

Una manciata di pomodorini ciliegino secchi di Pachino

Bottarga di tonno rosso

Olio extra vergine di oliva

Origano

Sale

In una padella versate 2 fili di olio evo. Con un coltello tagliate i pomodorini secchi finemente e aggiungeteli alla padella con un cucchiaino di origano. 

In una pentola portate a ebollizione abbondante acqua, poco salata! Lessate gli spaghetti fino a 3-4 minuti “dalla fine cottura”. 

Nel frattempo accendete il fuoco sotto la padella a fiamma bassa. L’olio deve insaporirsi senza bruciare gli ingredienti. Raccogliete gli spaghetti dalla pentola e passateli nella padella, aggiungete qualche cucchiaio di acqua di cottura e fate cuocere a fuoco vivo. Quasi alla fine, quando il liquido sul fondo non è completamente evaporato cominciate a grattuggiare la bottarga direttamente sugli spaghetti in discreta quantità. Non siate parsimoniosi! Mantecate per 10 – 15 secondi, spegnete il fuoco e servite con un’ultima grattata per guarnire.